Zia Ferrarese

Zia Ferrarese

zia ferrarase zia grossa zia piccola zia su tagliere zia su tagliere

La storia della Zia Ferrarese ("Zzié" in dialetto) è antica e riconducibile al periodo tardo-rinascimentale: i primi cenni a preparazioni simili all'attuale prodotto si ritrovano già, infatti, nei ricettari del maestro Cristoforo da Messisbugo, scalco alla corte dei Duchi d'Este.

E' costituita da un impasto di carne di maiale tritata grossolanamente a cui viene aggiunto sale, pepe ed aglio fresco lasciato precedentemente macerare nel vino bianco, che dona l'inconfondibile aroma e differenzia la Zia da tutti gli altri salumi all'aglio. L'impasto viene poi insaccato nel budello dell'intestino cieco (in dialetto "Zziéch" dalla cui assonanza con "Zzié" deriva l'attuale nome) e lasciato stagionare nelle cantine fino a primavera inoltrata.

Disponibile nelle versioni:

Zia Ferrarese classica: 1,5-3,5 Kg / 110-140 mm diametro

Zia Ferrarese grande: 3,5-5 Kg / 160-180 mm diametro

Informativa estesa sull'uso dei cookies